Man...il viaggio

la costruzione di un sogno.... diario di un viaggio sperato sull'isola dei gatti senza coda, in sella alle nostre motorette inglesi

domenica 7 novembre 2010

distrarsi mai...

neanche quando si fa benzina.

Ce lo ricordano tutte le persone vicine ogni volta che ci mettiamo in sella, a volte è solo un "mi raccomando" generico, altre volte il solito "vai piano" oppure "stai attento" ed in effetti in moto è importante avere sempre gli occhi aperti e la testa collegata.
Anche quando le cose sembrano banali.

A volte basta fare benzina, fumare una sigaretta e cercare la cartina dell'Italia centrale nello zaino per fare un bel guaio... soprattutto se dimentichi di rimettertelo sulle spalle.

Ieri riparto dall'autogrill Cantagallo sulla Bologna-Firenze, una ragazza si sbraccia per dirmi che ho perso qualcosa, mi fermo e cacchio.... aveva ragione, lo zaino!!!

Purtroppo la distrazione è sempre in agguanto ed ha la caratteristica di palesarsi proprio quando meno te l'aspetti... e così ti ritrovi a piedi lungo l'autostrada a ricercare i pezzi perduti e scopri che l'autostrada non sempre restituisce tutto quello che ti prende.

Occhio ragazzi...


Gianni

4 commenti:

Paola ha detto...

ma che hai combinato? sei ripartito con lo zaino aperto?

Mr. Noisy ha detto...

no, sono ripartito con lo zaino appoggiato alla moto...

Anonimo ha detto...

Toku.
Gianni,a volte capita di essere distratti per le cose anche piu insignificanti,sopratutto dopo aver macinato svariate centinaia di kilometri.
Meglio che la distrazione si sia riversata sullo zaino e spero che on ci hai rimesso troppo.
Salut

uccio ha detto...

Minchia! (no tu, cioè anche tu xò)...ma sto zaino non è caduto subito? ha aspettato che entrassi in autostrada?
che sfiga...

vabè, dai, meglio lo zaino della zavorra...sai, a volte succede!

;-)